logo-sifo
Accedi

Accedi al sito...

Username *
Password *
Ricordami

Report OMS: il mondo sta rimanendo a corto di antibiotici

Scritto da Angileri Manuela Il .

antibiotici3 copia

L’OMS ha pubblicato il rapporto “Antibacterial agents in clinical development – an analysis of the antibacterial clinical development pipeline, including Mycobacterium tuberculosis”, che fornisce una panoramica sugli agenti antibatterici che si stanno sviluppando clinicamente.

Dopo il lancio del Piano d’azione globale contro l’antibiotico resistenza, l’OMS, al fine di indirizzare la ricerca e lo sviluppo di nuovi antibiotici, stilò una lista di patogeni antibioticoresistenti sui quali si riteneva necessario intervenire in maniera prioritaria (Priority Pathogens List - PPL). Quale passo successivo, l’OMS ha esaminato le informazioni pubblicamente disponibili sullo sviluppo corrente degli antibiotici per valutare fino a che punto tali farmaci siano in grado di attaccare i patogeni presenti nella succitata lista PPL.

Il Rapporto, che rappresenta la sintesi della succitata attività, mostra che sussiste una grave mancanza di nuovi antibiotici, dal momento che la maggior parte di quelli in sperimentazione clinica sono modificazioni di classi esistenti e rappresentano pertanto soluzioni di breve termine. Fra gli antibiotici in sviluppo molti pochi sono in grado di fronteggiare la grave e crescente minaccia dell’antibioticoresistenza.

Si è riscontrato che sono molto poche le potenziali opzioni di trattamento per quelle infezioni resistenti agli antibiotici identificate dall’OMS quali le maggiori minaccie per la salute, come la tubercolosi multi resistente ai farmaci e altre infezioni causate da 12 classi di patogeni inseriti nella PPL, che sono sempre più resistenti agli antibiotici disponibili e richiedono urgentemente nuovi trattamenti.

Saranno, pertanto, necessari maggiori investimenti nelle attività di ricerca e sviluppo, specialmente nell’area critica dei patogeni gram negativi resistenti ai carbapenemi: P. aeruginosa, A. baumanii ed enterobatteri. Comunque nuovi antibiotici non potranno garantire da soli la riduzione della minaccia dell’antibioticoresistenza. Il loro sviluppo dovrà andare di pari passo con la prevenzione delle infezioni, l’attività di controllo e la promozione dell’appropriatezza nell’uso degli antibiotici esistenti e di quelli futuri.

Per ulteriori informazioni: 
The world is running out of antibiotics, WHO report confirms

Fonte: www.who.int

ugo caroselli
farmacista, redazione SIFOweb

L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Leggi la policy su Cookies