AIFA: aceclofenac e rischio cardiovascolare

Scritto da Tarantino Domenico Il .

cuore 

L'Agenzia Italiana del Farmaco rende disponibili nuove e importanti informazioni sul rischio cardiovascolare di aceclofenac simile a quello di diclofenac e degli inibitori selettivi della COX-2.

Aceclofenac è ora controindicato in pazienti con: - cardiopatia ischemica; - arteriopatia periferica; - malattie cerebrovascolari; - insufficienza cardiaca congestizia di grado II-IV (Classificazione New York Heart Association - NYHA).

I pazienti con dette patologie dovrebbero essere avviati ad un trattamento alternativo in occasione della prossima visita di controllo Il trattamento con aceclofenac deve essere iniziato solo dopo un'attenta valutazione nei pazienti con: - insufficienza cardiaca congestizia di grado I (Classificazione New York Heart Association - NYHA) - fattori di rischio significativi per eventi cardiovascolari - storia di emorragie cerebrovascolari.

Per ulteriori informazioni:
Nota Informativa Importante su Aceclofenac

Fonte: www.agenziafarmaco.gov.it

filippo urso
farmacista, redazione SIFOweb

L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Leggi la policy su Cookies