logo-sifo
Accedi

Accedi al sito...

Username *
Password *
Ricordami
testata-toscana

Archivio

Cure palliative

Coordinatore regionale:
Gruppo di lavoro: F. Gia, S. Baldassari, M. Rinaldi, A. Battaglia
Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Dispositivi medici

Coordinatore regionale: Anna Maria Calvani
Progetto 2007

  • Integrazione con il progetto della farmacovigilanza.
  • Dall'attività 2006 è scaturita da segnalazione al Ministero di alcune criticità dei dispositivi medici in penna legati alla somministrazione di farmaci

Nuova classificazione nazionale dei Dispositivi medici

Attività

Durante il corso di Firenze del 26 novembre dell'anno scorso si è consolidata la collaborazione del gruppo di lavoro regionale Dispositivi medici con la Regione Toscana e con il settore Vigilanza dell'AIFA.

Farmacovigilanza nell'Unione europea (PDF: 437Kb)
Pasqualino Rossi, Dirigente unità operativa farmacovigilanza

La farmaco-epidemiologia: dall'interpretazione dei RCTs alla farmaco-utilizzazione (PDF: 1 Mb)
Francesca Ravaioli, UO Farmacovigilanza, AIFA

Materiali

Dispositivi medici e Vigilanza (PDF: 301 Kb)
A.M. Calvani, M.T. Torracca, M. Rinaldi, M. Buccini, C. Ceccarelli, S. Cappelletti, C. Martini, G. Borselli, S. Renzi, S. Tonazzini, A. D'Arpino, M. Pani, G. Burchini, D. Musetti, M. Biagini, R. Pasqualetti, Gruppo di lavoro SIFO Toscana Vigilanza & Gruppo di lavoro SIFO Toscana Dispositivi medici

Per informazioni: anna_maria.calvani@asf


Gruppo di lavoro Farmacovigilanza

Coordinatore regionale: dott.ssa Maria TildeTorracca
Progetto 2007

Condivisione dell'attività di ricerca con il gruppo dell'informazione scientifica.

Contatta il gruppo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Sorveglianza e controllo infezioni ospedaliere

Coordinatore regionale: Giovanna Paggi
Gruppo di lavoro: S. Cappelletti, I. Ruffino, G. Croppi, M.G. Donati, C. Carmignani M.T. Torracca, F. Lena, C. Dimino, R. Fornaini, S. Biagini, M. Bernardini

Progetto

Studio sul consumo dei prodotti per l'igiene delle mani nelle Aziende Ospedaliere e strutture Sanitarie della Regione Toscana

Introduzione

La letteratura internazionale e le linee guida su l 'igiene delle mani in ambito sanitario forniscono una rassegna di indicazioni e dati riguardanti il lavaggio e l'antisepsi delle mani in ambito assistenziale. Esse forniscono, inoltre, raccomandazioni specifiche per promuovere procedure migliorative per l' igiene delle mani e per ridurre la trasmissione di microrganismi patogeni a pazienti ed operatori all'interno di strutture sanitarie. L'OMS indica che il lavaggio delle mani è l'azione prioritaria per la sicurezza del paziente e la prevenzione delle infezioni nosocomiali. Nonostante questo sia ben noto ai professionisti, ancora l'adesione alle corrette procedure risulta essere piuttosto bassa. Le infezioni ospedaliere sono considerate un indicatore specifico della qualità assistenziale, la prevenzione riveste quindi un importante ruolo in relazione all'efficacia organizzativa ed alla sicurezza e alla salute dei pazienti.

Obiettivi

Obiettivo di questo studio è rilevare il valore medio di consumo di sapone antisettico e di preparati alcolici per paziente e per giornata di degenza, e quindi determinare degli indicatori che saranno indice della qualità delle cure dispensate dalla struttura sanitaria per quanto riguarda il lavaggio delle mani. Lo studio verrà effettuato come progetto per l'anno 2006 dal gruppo di sorveglianza delle infezioni ospedaliere della SIFO regione Toscana.

Fasi dello studio

Lo studio si compone di tre fasi.

I. Indagine conoscitiva
L'indagine verrà svolta tramite l'invio ai Farmacisti delle Aziende Ospedaliere e di alcune strutture sanitarie della Regione Toscana di un questionario (All.1) Il questionario è lo strumento per la rilevazione dei dati necessari allo studio:verranno rilevati dati relativi al numero di confezioni ed alla tipologia di sapone dispensato dai Servizi Farmacia ai reparti ed ai comparti operatori nel corso di un anno, in relazione allo tipologia di lavaggio delle mani (lavaggio sociale , lavaggio antisettico e frizione alcolica). Inoltre verranno richiesti il n° di posti letto ed il n° di giornate di degenza della struttura nel corso dell'anno 2005.

II. Elaborazione dei dati
La seconda fase comprende la raccolta dei dati e quindi l'elaborazione.

III. Risultati e conclusioni
In quest'ultima fase del progetto verrà effettuata l'identificazione e la valorizzazione, in funzione dei dati raccolti, di alcuni indicatori di processo che potranno essere di aiuto nella valutazione della qualità delle prestazioni assistenziali

Al numeratore avremo:
Impiego in un anno di:

  • sapone antisettico
  • preparato alcolico

Al denominatore avremo:

  • n° posti letto
  • n° giornate di degenza

Otterremo quindi un valore indice di una buona prestazione assistenziale per quanto riguarda l'adesione alle corrette procedure sul lavaggio delle mani indicato dai ml sapone antisettico/paziente /anno ml preparato alcolico/paziente /anno. Il numero dei ml impiegati è da correlare infatti alle opportunità di lavaggio delle mani per singolo paziente.

Attività

Questionario 2006 per la rilevazione dei dati sull'igiene delle mani (PDF: 63 Kb)

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Rischio clinico

Coordinatore regionale: Susanna Ciampalini
Gruppo di lavoro: R. Banfi, M. C. Bernardini, M.T. Bianco, G. Bottari, L. Dal Canto, A. D'Arpino, D. Di Marzo, E. Fiumalbi, R. Fornaini, F. Gia, A. Ligori, L. Mariotti Bianchi, G. Masi, M. Monari, G. Paggi, F. Paglianti, F. Pelagotti, M.T. Torracca, C. Zappa
Progetto 2007

Politiche di gestione del Rischio clinico: studio, analisi e proposte

La responsabile dell'area Susanna Ciampalini non ha potuto essere presente e il segretario aggiorna sul lavoro svolto tramite una raccolta dati sull'attività di allestimento delle terapie oncologiche, presentata poi come poster al congresso di Genova e la pubblicazione del Glossario del Rischio Clinico in collaborazione con il Ministero della salute che presto sarà disponibile per i soci toscani. In linea con gli indirizzi di programmazione sanitaria del Sistema Nazionale di Riferimento per la Sicurezza dei Pazienti, istituito presso la Direzione Generale della Programmazione sanitaria, dei livelli di assistenza e dei principi etici di sistema del Ministero della salute, si prevedono per il 2007 attività di monitoraggio della implementazione a livello aziendale delle Raccomandazioni elaborate dal Ministero della salute sul corretto utilizzo dei farmaci, con l'individuazione di criteri condivisi per la verifica dell'implementazione stessa, l'elaborazione di un questionario per la valutazione di possibili miglioramenti nella gestione del farmaco in ospedale ed analisi delle informazioni raccolte e infine una giornata di formazione sulla tematica del rischio clinico.

Poster XVIII Congresso nazionale SIFO, Rimini 2007 (PDF: 235 Kb)

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Oncologia

Coordinatore regionale: Silvano Giorgi
Programma 2007

Il nuovo coordinatore Silvano Giorgi ritiene che il lavoro potrà essere suddiviso in due aree tematiche, una che riguardi gli aspetti tecnico farmaceutici (lavoro da sviluppare in collaborazione con l'area galenica regionale) in particolare, effettuare una ricognizione dei centri Toscani che fanno galenica oncologica e suddividerli in centri nei quali la ricostituzione avviene in accordo con le N.B.P. F.U. XI ed, e centri nei quali questo non avviene. Verificare in questi ultimi la possibilità di interventi correttivi da parte dei Farmacisti per ricondurre tali realtà alla norma. Potrà essere altresì interessante verificare l'applicazione dello standard tecnico SIFO per la galenica oncologica così da provare a ricondurre tutte le realtà all'applicazione degli standard stessi. Questo confronto fra le diverse realtà potrebbe portare alla stesura di un prontuario regionale che prenda in considerazione oltre ai farmaci anche tutti gli aspetti riguardanti i D.M. e i D.P.I. L'altra tematica, riguardante gli aspetti clinici potrebbe essere sviluppata con una analisi della prescrizione sia per le indicazioni approvate che per l'uso off-label così da provare a costituire una banca dati unica.

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Nutrizione clinica

Coordinatore regionale: Silvano Riccardo
Gruppo di lavoro: L. Casini, G. Masoni, G. Di Marzo, M.L. Camilli, B. Fazzi, A. Costagliola, A. D'Arpino, A. Sarteschi, F. Manteghetti, M. Rinaldi, M.T. Torracca, M. Pupita
Progetto 2007

Dopo un periodo di inattività del gruppo dovuto a poche novità nel settore nel prossimo anno si pensa di approfondire le scelte che riguardano le terapie NPT e di valutarne l'appropriatezza in collaborazione con il gruppo della galenica.

Osservatorio SIFO regionale sulla Nutrizione artificiale domiciliare (NAD)

Per informazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sperimentazione clinica e bioetica

Coordinatore regionale: Magnani Lorella

Progetto

Per il 2007 il proposito è di allargare l'esperienza maturata con il poster al congresso di Genova per arrivare ad un confronto dei risultati.

Attività

Monitoraggio delle sperimentazioni cliniche : il ruolo del comitato etico
Abstract: nella Sperimentazione clinica l'intervento del Comitato Etico è di fondamentale importanza non solo come controllo del rispetto delle GCP, per l'attendibilità dei dati relativi allo studio clinico, ma anche come garante della tutela dei diritti, della sicurezza e del benessere dei soggetti che partecipano allo studio. Inoltre in osservanza al D.M. 15.07.97, il CE periodicamente o almeno una volta all'anno verifica, attraverso il monitoraggio, ogni studio in corso. In questo modo il Comitato Etico non è considerato solo un organo burocratico che esegue il check-list della documentazione o autorizza la sperimentazione, ma assume un ruolo attivo.

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Leggi la policy su Cookies